News

22/10/2018

Domande e Risposte sulla VERIFICA PERIODICA - FAQ

 

Per la brochure in PDF CLICCA QUI!

 

Il DM 21aprile 2017 n. 93 introduce parecchie novità sulle operazioni di verifica periodica degli strumenti di pesatura NON automatici (NAWI). Di seguito diamo risposta alle domande più frequenti che ci rivolgono i clienti.

 

Che cosa è la Verificazione Periodica (art. 4)?

La Verifica Periodica è il controllo metrologico legale periodico effettuato sugli strumenti di misura dopo la loro messa in servizio o in seguito ad una riparazione comportante la rimozione di sigilli di protezione, anche di tipo elettronico. La Verifica Periodica ha lo scopo di accertare se gli strumenti riportano i bolli di verificazione prima nazionale, o di quelli CEE/CE, o della marcatura CE e della marcatura metrologica supplementare M e se hanno conservato gli errori massimi tollerati per tale tipologia di controllo.

Cosa si intende per “funzione di misura legale” di uno strumento?

È la funzione di misura giustificata da motivi di interesse pubblico, sanità pubblica, sicurezza pubblica, ordine pubblico, protezione dell’ambiente, tutela dei consumatori, imposizione di tasse e di diritti e lealtà delle transazioni commerciali;

 

Quali controlli sono previsti sugli strumenti di pesatura in servizio?

Gli strumenti di misura in servizio, qualora utilizzati per le funzioni di misura legali, sono sottoposti alle seguenti tipologie di controlli successivi:

  • Verificazione Periodica;
  • controlli casuali o a richiesta;
  • vigilanza sugli strumenti soggetti alla normativa nazionale e europea.

 

Ogni quanto devo fare la Verifica Periodica della mia bilancia?

Gli strumenti di misura sono sottoposti a verificazione con periodicità triennale che decorre dalla data di messa in servizio.

 

Che obblighi e che tempistiche devono essere rispettate?

  • Comunicazione da parte del titolare dell’inizio/fine utilizzo di uno strumento metrico entro 30 giorni da tale data (art. 8)
  • Richiesta da parte del titolare della verifica periodica per scadenza entro 5 giorni lavorativi prima della scadenza (art. 4 c.8)
  • Richiesta da parte del titolare della verifica periodica per riparazione entro 10 giorni lavorativi dall’avvenuta riparazione (art. 4 c.8)
  • Obbligo di riparare lo strumento e di sottoporlo a verifica in caso di ordine di aggiustamento da parte della Camera di Commercio entro 30 giorni dalla data del controllo casuale (art. 5 c.5)
  • Esecuzione della verifica periodica da parte di un organismo entro 45 giorni dalla data di ricezione della richiesta (art. 4 c.16)
  • Comunicazione degli esiti alla Camera di Commercio da parte dell’organismo entro 10 giorni lavorativi dalla data della verifica periodica (art. 13 c.1)

 

Come viene indicato l’esito della Verifica (art. 4 c. 13, 14)?

 

Esito positivo

 

  

Fondo verde con carattere

stampa nero quadrato con lato ? 40 mm

Esito negativo

       

Fondo rosso con carattere stampa nero quadrato con lato ? 20 mm

 

Il contrassegno è rimosso all’atto della riparazione o della nuova richiesta di verificazione periodica o della verificazione stessa.

 

 

Che cosa è il “Libretto metrologico” (art. 4 c.12)?

È un libretto, su supporto cartaceo o informatico, su cui vengono annotate tutte le seguenti informazioni minime:

  • Nome indirizzo del titolare dello strumento e eventuale p. iva;
  • Indirizzo presso cui lo strumento è in servizio, ove diverso dal precedente;
  • Codice identificativo del punto di prelievo (POD) o di riconsegna (ev.);
  • Tipo dello strumento;
  • Marca e modello;
  • Numero di serie;
  • Anno di fabbricazione per strumenti nazionali;
  • Anno marcatura CEE o CE per strumenti europei;
  • Data di messa in servizio;
  • Nome dell’organismo, del riparatore e del verificatore intervenuto;
  • Data e descrizione delle riparazioni;
  • Data della verifica periodica e data di scadenza;
  • Specifica di strumento utilizzato come strumento temporaneo;
  • Controlli casuali esito e data.

 

 

Chi deve fornire il “Libretto metrologico”?

Il libretto metrologico viene fornito senza onere per il titolare dello strumento da uno di questi soggetti:

 

  • Il fabbricante facoltativamente;
  • L’organismo che esegue la prima Verifica Periodica dopo l’entrata in vigore del decreto;
  • La Camera di Commercio nel periodo transitorio;
  • I laboratori nel periodo transitorio (la norma non lo specifica ma ragionevolmente si);

 

Se manca il libretto metrologico in caso di riparazione?

  • Il riparatore deve rilasciare al titolare dello strumento una dichiarazione con la descrizione dell’intervento e dei sigilli rimossi
  • Il riparatore informa la Camera di Commercio della riparazione eseguita
  • La dichiarazione è fornita all’organismo (o altro soggetto nel transitorio) che fornirà il libretto metrologico per la sua annotazione

 

Che obblighi sono previsti per i titolari di bilance con funzione di misura legale (art. 8)?

  • comunicano entro 30 giorni alla Camera di Commercio della circoscrizione in cui lo strumento è in servizio la data di inizio dell'utilizzo degli strumenti e quella di fine dell'utilizzo e gli altri elementi di cui all'articolo 9, comma 2;
  • mantengono l'integrità del contrassegno apposto in sede di verificazione periodica, nonché di ogni altro marchio, sigillo, anche di tipo elettronico, o elemento di protezione;
  • curano l'integrità dei sigilli provvisori applicati dal riparatore;
  • conservano il libretto metrologico e l'eventuale ulteriore documentazione prescritta;
  • curano il corretto funzionamento dei loro strumenti e non li utilizzano quando sono palesemente difettosi o inaffidabili dal punto di vista metrologico.

 

Chi controlla la corretta applicazione del decreto (art. 15)?

Le Camere di Commercio esercitano funzioni di vigilanza sulla corretta applicazione di tutte le

disposizioni contenute del decreto.

 

 

Che sanzioni sono previste?

 

Categoria

strumenti

Art.

Violazione

importo

Strumenti NAWI

Art. 13 comma 2

D.Lgs n. 517/92

come modificato

dal D.Lgs 83/2016

Salvo che il fatto costituisca reato,

per le violazioni diverse da quella di

cui al comma 1, alle disposizioni del

presente decreto e dei connessi

regolamenti di attuazione

Da 500€ a

1500€

per ciascuna

violazione

Altri strumenti

Art. 692 C.P.

depenalizzato

Chiunque, nell'esercizio di un'attività

commerciale, o in uno spaccio

aperto al pubblico, detiene misure

o pesi diversi da quelli stabiliti dalla

legge, ovvero usa misure o pesi

senza osservare le prescrizioni di

legge

Da 103 € a

619 €

per maggiori informazioni chiamaci allo 059-527187

oppure
CONTATTACI